Il ristorante Izu inaugura nel 2006. Gestito da Jin Yue, nasce dall’esperienza decennale del titolare nel mondo della ristorazione, dalla sua passione per la cultura e per la gastronomia nipponica. Nel 2010, il locale è stato completamente rinnovato.

Scoprire la magia dell’oro e il candore del bianco. Lasciarsi avvolgere dalla luce di cinquanta crateri stellari dorati sospesi. Mattoni e travi d’epoca a vista, pareti e tavoli color oro, sedute in cuoio bianco e ferro. Tra calde atmosfere e design contemporaneo, il ristorante Izu si fa interprete di una cucina nipponica che si muove in equilibrio tra i contrasti, coniugando la tradizione del Sol Levante con l’estro creativo di ispirazione occidentale. Il suo nome è quello di una penisola giapponese, celebre per l’intensa attività peschereccia e per la bellezza del paesaggio.

“La nostra è una cucina sempre in movimento, ricerchiamo accostamenti inediti per proporre nuovi piatti.”

La location incanta la vista con originali lampade a sospensione modulari, realizzate in vetroresina in foglia d’oro. Un leitmotiv di cinquanta involucri avvolgenti, vere e proprie sculture che rievocano i corpi celesti e che abbracciano l’ospite in un suggestivo percorso luminoso.

La cucina di Izu trae ispirazione proprio dalla materia prima. Il pesce giunge fresco tutti i giorni, domenica compresa. Il pescato del dì viene proposto in delicate declinazioni che vanno dai crudi alle tartare, dal sushi al sashimi; cruditès e fuori carta a base di gamberi rossi di Mazara del Vallo, aragoste, scampi, astici, ricci di mare, fasolari giapponesi, capesante con lime e salsa di agrumi, ostriche.

Con l’arrivo della bella stagione il ristorante introduce nuovi piatti che arricchiscono il menu: accostamenti inediti e originali proposte da gustare nell’ampia e luminosa sala o nel grazioso dehors. Portate che rivisitano la tradizione come il nigiri di ventresca di tonno con foie gras o il sushi con ricciola e patè do’olive. Specialità di ispirazione mediterranea come il salmone scottato in crosta di pistacchi, accompagnato da salsa al profumo di agrumi. Sapori avvolgenti come quello dei Gunkan a base di salmone e uova di quaglia, serviti con salsa di soia aromatizzata al lime. Piatti freschi e leggeri come l’insalata di mare condita con centrifugato di grutta e verdura. E ancora, filetto di black cod dell’Alaska con salsa di miso, sfiziose proposte com l’involtino croccante con capesante e granchio morbido, presentato con salsa di verdure e maionese giapponese e con riduzione di aceto balsamico nipponico. non mancano Uramaki speciali: dai Lobster roll con astice al vapore e tobiko ai Tataki roll, con tempura di gamberoni e tonno scottato, dai Soft Shell Crab con tempura di granchio morbido ai Cosmopolitan, creati dallo chef con il pescato del giorno.

Ad accompagnare il pasto, una lista di vini regionali selezionati, birre giapponesi e tè biologico, al gelsomino, verde o nero.